La nuova frontiera della privacy: Apple annuncia il “Private Relay”

La nuova frontiera della privacy: Apple annuncia il “Private Relay”

La privacy è sempre più al centro delle preoccupazioni degli utenti di Internet e delle aziende che offrono servizi online. In questo contesto, Apple ha annunciato di aver sviluppato un nuovo strumento per proteggere la privacy degli utenti: il “Private Relay”.



Il “Private Relay” è un nuovo servizio che verrà incluso in iCloud+, il servizio di abbonamento di Apple che offre spazio di archiviazione cloud e funzionalità di backup per i dispositivi Apple. Questo strumento è stato progettato per proteggere la privacy degli utenti online, impedendo ai siti web di raccogliere informazioni personali e di tracciare le attività di navigazione.

In pratica, il “Private Relay” funziona come una sorta di VPN (Virtual Private Network), che crittografa il traffico di rete e lo invia attraverso due server in modo da proteggere la privacy dell’utente. Tuttavia, a differenza di una VPN tradizionale, il “Private Relay” non fornisce informazioni sui siti web che si visitano, garantendo così una maggiore protezione della privacy.

Secondo Apple, il “Private Relay” sarà disponibile in tutti i paesi in cui iCloud+ è disponibile e non comporterà alcun costo aggiuntivo per gli utenti che utilizzano il servizio di abbonamento. Tuttavia, è importante notare che il “Private Relay” potrebbe non essere in grado di proteggere la privacy degli utenti in tutte le situazioni, ad esempio quando si utilizzano applicazioni di messaggistica o social media.

In ogni caso, il “Private Relay” rappresenta un importante passo avanti per la protezione della privacy online degli utenti, e potrebbe indurre altre aziende a sviluppare strumenti simili per proteggere i dati personali degli utenti online.